martedì 23 aprile 2013

And the winner is (2)

Candidato capo del governo (no, mi spiace, ribadisco il concetto sul premier. Primo, è una brutta ostrogotizzazione babilonizzazione insomma, ci siamo capiti di una parola francese che va sempre accompagnata a ministre; secondo, noi non l'abbiamo mai avuto): Matteo Renzi.
Chi?
Matteo Renzi.
Ah, allora avevo capito bene.
Già.
Non so se davvero andrà su; non so se il titolo del post è giustificato oppure no. Ma se va su possono succedere 2 cose:
a) Si brucia in pochi giorni.
b) Brucia l'Italia in poco più di un mese.
L'ipotesi a) è relativa al suo far parte di quel cambiamento che l'Italia proprio non vuole. Ma nel caso riuscissero a inchiavardarlo saldamente alla cadrega del capo del governo, questo cambiamento si tradurrà, per noi, con queste parole:
CAZZI AMARI.
Non dimentichiamoci che è la versione scaltra del pluriinquisito, oltre ad essere molto più giovane. Se ci siamo goduti il pluriinquisito per vent'anni, e non è riuscito - per incapacità sua, mica per altro - a causare poi troppissimi danni (!!! Già, non gli è riuscita di dare il giro di vite finale; a quello ci ha pensato l'Avvoltoio subito dopo di lui) ci godremo la tirannia di Renzi per almeno quaranta. E sarà quello che darà il colpo alla vite per incastrarla saldamente nella sua posizione finale.
(Humpf. La più grossa speranza per un pessimista è sentirsi dire "Hai cannato il pronostico". Finora, purtroppo, questa mia speranza è stata abbondantemente delusa.)

Nessun commento: