mercoledì 24 luglio 2013

Estiqaatsi

Udite udite, (squillo di fanfare) è nato.
Chi?
Ma sì, il figlio di quei cosi, come cazzarola si chiamano, ah sì, prìncipi. Prìncipi de che? Ma sì, dai, i prìncipi di Babilonia Ostrogotia Albione. Hanno avuto un principino.
E giù tutti i media italiani a sbrodolare sul bambino, a smenarci su quanto pesava alla nascita, su quant'è alto, su quanti capelli ha in testa, su quante volte mangia, su quanti grammi di cacca ha fatto, su quante volte ha fatto il ruttino.
Strano: eppure non sono nemmeno i nostri padroni tedeschi; sono albionesi.
Ecco che cazzo importa agli italiani. Mica il fatto che il presidenmonarca e il suo governla sua servitù ci abbiano appena svenduti a prezzo scontato ai crucchi.
Mica il fatto che la disoccupazione stia balzando alle stelle.
Mica il fatto che un lavoratore (specie in via d'estinzione) non riesca nemmeno più a mantenere una famiglia col suo stipendio, e che a malapena riescano ad arrivare a fine mese se sono già in due a lavorare.
Mica il fatto che la cultura e la sanità siano state brutalmente uccise da tagli indiscriminati.
Mica il fatto che si preferisca comprare costosissimi catorci volanti tagliando sugli indispensabili Canadair.
Mica il fatto che a causa di stronzi come dolcemoltoacido e gabbalipolli, i quali, poverini, sono obbligati a evadere il fisco perché se no con le loro miliardate non riescono a vivere, ai poveracci le tasse vengono costantemente aumentate mentre stipendi e pensioni restano al palo.
Mica il fatto che la tanto promessa riforma della legge elettorale con immediato ritorno alle urne sia stata rinviata al 2015.
Mica il fatto che il monarca e il coso continuino imperterriti a vivere, per quanto entrambi abbiano già tutti e due i piedi nella fossa, e allontanino di secoli il ritorno dell'Italia alla normalità.
No: di tutto ciò agli italiani non può fregare meno.
L'importante, al di là di cose già citate nei post precedenti (per stavolta niente repetita), è la nascita di un bambino qualunque figlio di due sfigati che non scolleranno un pelo dal culo al mondo nella loro vita da Very Idiot People viziati e coccolati, che del mondo esterno alla loro cerchia sentono parlare così en passant e col quale non entreranno mai in contatto se non per interposta persona.
Bene, fine di questo sfogo composto come sempre di parole al vento.

Nessun commento: