lunedì 12 agosto 2013

E il tifo nazionale torna ad essere vietato

Avevamo tutti quanti tratto un sospiro di sollievo quando da "Forza Italia" il partito del coso aveva mutato nome in PDL.
Che bello, ci eravamo detti. Adesso quando qualche squadra nazionale - di qualunque sport - scende in campo possiamo di nuovo gridare "Forza Italia" senza che ciò costituisca propaganda politica.
Niente. Siamo di nuovo punto e a capo. Siamo tornati al periodo in cui gridare o sventolare striscioni con le parole "Forza Italia" è vietato. E la guida del partito passa per successione dinastica, dal padre alla figlia, quindi con la morte del coso non ci schioderemo affatto il "partito" che ci ruba anche il tifo nazionale.
Alle prossime grosse manifestazioni sportive tiferò Camerun.

Nessun commento: