giovedì 10 ottobre 2013

Amnistia? Indulto? Ma mi faccia il piacere!

Per risolvere l'annoso problema delle patrie galere sovraffollate cosa si fa:
a) soluzione di buon senso: si finiscono i lavori in tutte quelle strutture fantasma che potrebbero raddoppiare in una botta unica i posti disponibili;
b) altra soluzione di buon senso: si fa in modo di educare la gente a comportarsi correttamente, affinché meno gente finisca in galera;
c) soluzione dei nostri "politici": indulto, amnistia, via, svuotiamo le galere, così risolto il problema.
Soluzioni a) e b): non pervenute, da parte di nessuna, ma proprio nessuna forza politica.
Soluzione c): da adottare di corsa, in fretta e furia. Sì, perché a usufruirne in primis sarebbero i "politici" stessi: si vedrebbero perdonate di botto tutte le loro furfanterie, sapete, quelle che fanno curriculum per poter accedere alle alte cariche istituzionali; sia mai che quei porci kumunisti dei giudici trovino qualcosa da ridire su quei fantastici curriculum. Poi però chissenefregorum se con questi provvedimenti verranno sbattuti in libertà ladri, assassini, stupratori, pedofili, criminali di ogni sorta con licenza di tornare a delinquere; chissenesbattorum se tra qualche mese si ripresenterà il problema del sovraffollamento delle carceri perché tutti questi criminali saranno stati riacchiappati e risbattuti al fresco. L'importante è applicare indulto+amnistia subito adesso subitissimo immediatamentissimevolmente, per salvare le chiappe sempre ai soliti. Si sposta il problema tanto per risolverlo ai soliti noti; la gente onesta ce l'ha nel culo, come sempre.
N. B.: il grillo straparlante su questa faccenda è meglio che chiuda il becco. Era pro-amnistia quando nessuno la voleva, e adesso che tanti la vogliono è contro; la smetta di fare l'ipocrita e di rigirare la frittata a seconda delle convenienze del momento.

2 commenti:

Bastian Cuntrari ha detto...

Ripeto il commento lasciato altrove.

I reclusi per il reato di immigrazione clandestina sono attualmente quasi 24mila (Fonte: Ministero Grazia e Giustizia).
Altri 26 mila sono dentro per la legge Fini-Giovanardi, che ha inasprito le pene per la detenzione delle droghe leggere, equiparandole a quelle pesanti .

Quello che non capisco è perché si parli di indulto-amnistia prendendo come parametro gli anni di reclusione e non la tipologia del reato: fuori i c.d. clandestini e chi è stato trovato in possesso di minime quantità di droghe leggere, ma resti dentro chi ha commesso reati contro la persona, il patrimonio, la P.A., etc... a prescidere dal periodo di reclusione inflitto.

Dumdumderum ha detto...

Ovviamente, ma questa è la logica di noi poveri mortali, mica dei "politici".