lunedì 28 gennaio 2013

Frasi ad effetto

Eccone una bella bella, partorita fresca fresca, ieri, nella Giornata della Memoria, da un personaggio al quale, almeno stavolta, non ho nessuna intenzione di fare pubblicità gratuita - più di quella, per intenderci, che gli hanno già fatto in lungo e in largo, e anche in tutte le altre dimensioni concepibili.
"Mussolini fece cose giuste. Leggi razziali la sua colpa peggiore."
Adesso, al di là del fatto che basta una nefandezza di quelle carognose per cancellare qualsivoglia buona azione, al di là del fatto che Mussolini mise in pratica assai più nefandezze che buone azioni, al di là di tutto questo discorso che, qui, per quanto riguarda le circostanze del momento, è off-topic: quella di questo personaggio volutamente non definito neppure per soprannome è stata la classica mossa per spingere gli italiani a dimenticarsi completamente qual è lo scopo ultimo della Giornata della Memoria. La shoah, le foibe, tutti gli eccidi commessi da sordidi dittatori nel passato... tutto passato in secondo piano, di fronte all'enormità della frase riportata. Tutti hanno parlato del personaggio in questione (e anch'io ne parlo, purtroppo; ma ormai la frittata l'hanno già fatta tutti gli altri; a me non resta che condirla) e nessuno ha più posto l'accento su quelle atrocità e sul motivo per cui vennero commesse.
Posso solo sperare che questa Giornata della Memoria serva davvero da promemoria agli italiani il 24 febbraio, quando si troveranno con in mano quella benedetta matita copiativa; spero che questa mania di protagonismo si ritorca come un boomerang contro lo stesso personaggio di cui parlo. Ma gli italiani, purtroppo, di memoria difettano abbondantemente.

giovedì 24 gennaio 2013

Ditemi che è solo una bufala, vi prego

Anche se quando ci sono di mezzo gli statunitensi tutto è possibile. Ho sempre considerato gli statunitensi i secondi umani più stupidi della Terra (i primi siamo indubbiamente noi, grazie a decenni di lavaggio del cervello tramite i media); ma così stupidi non li facevo proprio.
Dunque: armi. Qualcuno pensa di vietarle? Naaaa. La loro stessa costituzione (nata quando ci si sparava per un nonnulla) garantisce, ancor oggi, a ogni cittadino il diritto - il diritto, IL DIRITTO - di possedere un'arma da fuoco. Trovi pistole e fucili anche dal pescivendolo; quel che è peggio, è che nessuno fa in modo che i propri figli evitino di metterci le mani sopra. Bambino di cinque anni prende in mano la pistola di papino e spara a tutto quello che vede? Nessuno si scandalizza; e dai, povero piccino, aveva pure il diritto di divertirsi un po', no? Studente delle medie o del liceo prende il fucile di papà e va a fare una strage a scuola? E chissene. Tanto anche gli adulti lo fanno.
Ecco, non è qui che la stupidità degli statunitensi raggiungerebbe il parossismo. Sapete, almeno secondo una voce che gira su web, cos'hanno vietato da quelle parti?
Udite udite.
Rullo di tamburi.
And the winner is...
L'OVETTO KINDER!
Giuro che voglio davvero credere che questa sia una bufala; ma gira e rigira non sono riuscito a trovare conferme o smentite chiare e nette a questa notiziola. Ma tuttavia però (E & CCFCC): armi sì e un ovetto di cioccolato con la sorpresa no? Quindi, un po' di buono e sano colesterolo(*) e una capsulina di plastica con dentro un giocattolino, da montare o già intero, sarebbero molto più nocivi alla salute di qualche grammo di piombo sparato ad alta velocità? Questa me la dovrebbero proprio spiegare. Vorrei davvero che qualcuno mi confermasse che è una bufala astronomica; ma, ribadisco, le notizie che ho reperito, oltre ad essere contrastanti, provengono tutte da blog o altre fonti dove lo spettegulesss regna sovrano. Qualcuno è andato da quelle parti e può confermare o smentire di persona? Vi prego.

(*) Che poi, colesterolo. L'ovetto Kinder è il nec plus ultra della salute confrontato alle porcherie da Merdonald che i bambini statunitensi mangiano a palate. Avete notato che non ce n'è uno che non sia del tipo "se cade rotola"? Ma questo è un altro paio di maniche, anche se sempre correlato alla stupidità degli statunitensi.

mercoledì 23 gennaio 2013

Legge del contrappasso

Avevo parlato poco tempo fa della chiusura - per fortuna rivelatasi temporanea - del sito pontilex.org da parte del suo quasi omonimo con la F. Be', se in quest'Universo esiste un equilibrio, si è appena manifestato. Adesso è quello con la F a non essere più raggiungibile. Guai con la giustizia? Un semplice attacco DDoS? Sia come sia, adesso pontiFex fa le spese:
a) della coglioneria di cui ultimamente ha fatto mostra a livello parossistico nell'attaccare donne, gay e stranieri come se fossero i mali peggiori del mondo;
b) della doppia coglioneria dimostrata nel voler fare oscurare tutte le voci contrarie.
La domanda è: quel sito di beceri omofobi, misogini, xenofobi risorgerà o è chiuso per sempre? "Ride bene chi ride ultimo" si applicherà alla gente che ha due palle così di personaggi del genere, oppure torneranno a strepitare più forte di prima? Solo il futuro ce lo dirà.

AGGIORNAMENTO
Per la cronaca, si sono beccati un DDoS. Sempre per la cronaca, sono di nuovo online, a sfrucugnarci le palle con il loro estremamente estremo estremismo estremizzato all'estremamente estremo.

lunedì 21 gennaio 2013

Benvenuto in Italia

E' quello che ho detto a svariati amici provenienti dall'estero, in svariate occasioni. Questa volta, però, non c'entra la politica nostrana (che all'estero viene seguita e perculata a nastro), ma qualcosa che non viene pubblicizzato all'estero e su cui bisogna sbattere il naso qui, sul posto.
Sarebbe a dire: l'estrema inciviltà di cui ogni singolo italiano - e nemmeno io mi sottraggo al mucchio, anche se posso addurre come scusa il classico proverbio "A Roma fai come i romani", esteso a tutta la penisola e le sue isole - fa costantemente sfoggio sulla strada (e non solo: la strada altro non è che lo specchio della situazione oltremodo pietosa in cui versa la parola "civiltà" nella nostra società). Quindi, ai miei amici esteri, dico sempre benvenuto in Italia, dove:
- strada=parcheggio (seconda, terza, quarta fila...)
- marciapiede=parcheggio
- curva priva di visibilità=parcheggio
- parcheggio=luogo dove ammucchiare le macchine alla mentula canis
- parcheggio per dueruote=parcheggio per SUV
- via d'accesso al parcheggio=parcheggio con clausola TantoStoSoloCinqueMinuti (tsè, gli ultimi)
- parcheggio per invalidi=parcheggio per SUV ovviamente senza invalido a bordo
- segnali "Dare la precedenza" e "stop"=passo io tanto vengo da destra
- semaforo verde=stop, tanto se dietro clacsonano li si manda a fanculo
- semaforo giallo=via a tutto gas
- semaforo rosso=avanti, tanto frenano gli altri
- senso unico=ma che cazzo vuole quello lì che viene in senso opposto e continua a indicarmi il cartello con la freccia in direzione opposta alla mia?
- senso unico (2)=ma il JerryJerrTomTom mi ha detto di passare di qui
- strisce pedonali=via a tutto gas. C'era un pedone? Cazzi suoi: aveva solo da guardare.
- corsia di sorpasso=velocità massima quaranta all'ora se non c'è nessuno; se provi a metterti a sorpassare a 130 all'ora la lunga fila di TIR ti arriva immediatamente a culo il SUV che ti accende tutte le luci che ha dritte nello specchietto
- distanza di sicurezza=le scritte pubblicitarie in piccolo sul portatarga del veicolo precedente devono essere perfettamente leggibili
- dueruotista (che sia motociclista, ciclista o scooterista, in ordine crescente di arroganza)=persona priva di regole, convinta che tutto le sia permesso e persuasa di essere immortale (tranne, poi, quando fa splat: torto o ragione che aveva, di sicuro ci rimette)
- pedone (anche i pedoni, già: mica pensavano di scamparsela, vero?)=persona che va come i Lemming del famoso videogioco anni '90, sempre dritto, sempre avanti, a testa china a scrivere messaggini sul cellulare, magari con in testa un paio di cuffie che nemmeno gli operai edili addetti al demolitore, con musica sparata ad altissimo volume (e qui c'è da dire che mentre per le altre categorie le eccezioni si contano sulle dita della mano di un monco, per quanto riguarda i pedoni ce n'è solo un 30% del tipo indicato qui, ma sono comunque decisamente troppi)
- clima=strada asciutta, tutti Schumacher; due gocce di pioggia, tutti ai dieci all'ora; un fiocco di neve, tutti paralizzati, ma figurarsi se ci si toglie dalla strada per rispetto ai pochi che riescono a guidare anche col maltempo (uno sono io, e mi incazzo come un intero branco di iene quando, per due gocce di pioggia, mi trovo perennemente davanti il lumacone imbranato che non si leva dai cojones: se il maltempo ti fa paura, stattene a casa o prendi i mezzi pubblici!)
- patente=ma serve davvero? Si può guidare anche senza.
- assicurazione=ma chi se ne fotte, tanto io non vado a bocciare (le ultime parole famose...)
- revisione obbligatoria=ma chi ne ha voglia
- fanali=ah, è fulminato? Chi se ne frega, tanto c'ho i fendinebbia
- fendinebbia=sempre accesi tranne quando c'è davvero la nebbia
- luci posteriori=ah, c'ho uno stop fulminato? E chi se ne fotte, tanto ci sono gli altri due.
- pneumatici=ma c'hanno ancora 0,00000005 millimetri di battistrada, che li cambio a fare?
- alcool e droghe=ma sì, lasciamoci andare, tanto io sono il re dei piloti e guido meglio di tutti anche quando sono ciucco/strafatto/entrambe le cose
- veicolo da rottamare=lasciamolo nel parcheggio o in mezzo a un prato, prima o poi qualche ente pubblico lo rottamerà a spese dei contribuenti
- indicatori di direzione (frecce)=non usarli, se no si consumano
- (ma tuttavia però, eziandio & con ciò fosse cosa che: coerenza portami via) 4 frecce d'emergenza=da usare in qualsiasi situazione, perché permettono di fare ciò che si vuole
Di sicuro ho dimenticato qualcosa. In ogni caso: con questo vademecum intitolato "Benvenuto in Italia" accolgo i miei amici dall'estero.

venerdì 11 gennaio 2013

Se qualcuno ha ancora bisogno di una conferma

... che il grillo straparlante sia tanto fascista da poter definire "comunista" Mussolini, eccola qui.


Cioè, ogni commento è superfluo.

martedì 8 gennaio 2013

Oscuramenti un po' troppo selettivi del web

Ci sono due siti.
Uno si chiama pontifex.org, è gestito dal vaticano (spiacente: la maiuscola se l'è giocata poco più di duemila anni fa) ed è una sbrodolata inverosimile di farneticazioni razziste, omofobe, violente, misogine. Un altro si chiama pontilex.org, sì, con la L al posto della F, e cerca di denunciare le farneticazioni di cui sopra.
Quale hanno chiuso secondo voi?
Ma è ovvio: quello con la L, mica quello con la F.
Quello con la F può continuare tranquillo a sproloquiare di lotta armata ai negri, alle femmine-macchine-per-fare-figli-senza-alcun-diritto e ai froci (ho utilizzato apposta termini forti per indicare il tono tipico di quella fogna di sito). Uuuuuh, non si tocca il vaticano.
Mi viene voglia di vomitare. Solo che questi tizi non sono a portata di mano per essere sommersi dal mio vomito.

Maggiori dettagli su Pensare è gratis.

Il video dell'appello:

giovedì 3 gennaio 2013

L'ennesima presa per il Qlo delle reti MERDAset

Okkei, questi programmi televisivi per il veglione di S. Silvestro sono generalmente delle boiate assurde. "L'anno che verrà" era una tavanata megagalattica, altri non erano meglio.
Ma tuttavia però
(eziandio)
(con ciò fosse cosa che)
(aridajje)
Almeno rai1 e altre li hanno trasmessi in diretta.
Quella merdata astronomica che hanno fatto su canale (di melma puzzolente) 5 era, udite udite, REGISTRATA!
E quando l'hanno registrata?
Udite udite.
Il 21 dicembre!
E neanche alle ore beate: alle quattro del pomeriggio o giù di lì.
Cioè: nessuna voglia di lavorare l'ultimo dell'anno. Tutti a fare festa, yuppiyéééé. Lasciamo che a lavorare l'ultimo dell'anno siano quei dementi della rai.
Ma non vi sentite un po' presi per il culo, voi quattro gatti che avete acceso su canale (di broda putrida) 5 gli ultimi dieci minuti per fare il conto alla rovescia? Non vi girano gli zebedei a pensare che quel conto alla rovescia era già vecchio di più di 10 giorni? Non vi vengono i fumi alle orecchie a sapere che le persone che voi credevate lì a lavorare per voi in realtà erano a farsi il veglione da qualche altra parte, magari guardando con un ghigno a novantasei denti (già!) la loro stessa trasmissione registrata e perculando a nastro tutti i boccaloni che li ritenevano ligi al dovere lì sul posto di lavoro?
Cioè: io non ho guardato quella merdata su canale (di spurgo fognario) 5 l'ultimo dell'anno. Ero a far festa con gli amici, e abbiamo pensato noi a scandire il conto alla rovescia. Ma voi boccaloni che ve lo siete sorbito: cosa ne dite? Meditateci sopra, gente!