giovedì 9 gennaio 2014

Fare i grUllini sulla pelle degli altri

E' da mo', ormai, che i grUllini vanno strillando su tutti i toni che il parlamento è illegittimo. Ma allora, perché continuano a farne parte? Perché continuano a partecipare ai lavori di un'istituzione che secondo loro non ha più diritto di esistere, anziché dare le dimissioni in massa? Perché un tal signor luigi di maio (minuscole d'obbligo) continua a rimanere avviticchiato alla poltrona di una posizione - vicepresidente della camera - che non riconosce più come legittima? Lui per primo dovrebbe dare l'esempio ai suoi.
Ah, ma è davvero molto, troppo facile comportarsi come da titolo. Predicare bene e razzolare male è lo sport preferito dei grUllini. Nemmeno stavolta riescono a dimostrare quel minimo di coerenza che magari li salverebbe dal tonfo quasi certo alle prossime elezioni. Visto che strillano continuamente "Tutti a casa", che almeno non intendano l'ovvia postilla implicita "tranne noi"!

2 commenti:

cristiana2011-2 ha detto...

Che il cielo ti ascolti, per quanto riguarda il TONFO!
Io non ne sono così sicura, purtroppo.
Cristiana

Dumdumderum ha detto...

Quasi sicuro. Si stanno prendendo brodo da tutte le parti. L'elettorato è una massa di rincoglioniti, ma anche a questo c'è un limite.