giovedì 22 maggio 2014

Elezioni europee: qualcosa non torna

Quale parte di "europee" non è chiara?
Eppure, sembra che stiamo eleggendo il parlamento italiano. L'unica coalizione che parli di Europa è la lista Tsipras, ed è una lista estera, nonostante abbia candidati anche italiani. Tutte le altre liste non nominano nemmeno l'Europa. I tre dell'ave maria, poi, non fanno che darsi addosso gli uni con gli altri, "se vinciamo noi cade il governo", "se vinciamo noi voi ve ne andate", bla bla bla. Cioè? Devo aver capito male, quindi: il 25 non voteremo per il parlamento europeo, ma per il rinnovo di quello italiano? Bo'. Non mezzo accenno alle tematiche comunitarie, non mezza indicazione di cosa faranno una volta ottenuta la poltrona a Bruxelles; ma soprattutto, non uno che dimostri di rendersi conto che, per quanto importanti, le elezioni europee sono del tutto fuori contesto rispetto alle beghe nostrane. Vinca chi vuole: andranno a Bruxelles a contare come il due di bastoni quando briscola è coppe, e non scolleranno il pelo d'un baffo alla situazione in Italia.
No? Mi sbaglio? Allora proprio non ho capito un cazzo.

Nessun commento: