venerdì 23 maggio 2014

Voto o non voto?

(Aridajje. Sto di nuovo urlando nelle orecchie ai sordi. Vabbe': repetita juvant? Mi sa tanto di no.)
Ribadisco il solito vecchio concetto; vale per le europee come per qualunque altra elezione. Capisco che ormai ne abbiamo le palle piene fino a scoppiare di politicanti della domenica pomeriggio sul tardi; capisco che ormai siamo depressi e rassegnati tra il "tanto non cambia niente", il "sono tutti uguali", il "chi me lo fa fare", il "non so più a che santo votarmi". Ma non è una scusa buona: se si vuole davvero il cambiamento bisogna prendere il toro per le corna, abbandonare pigrizia mentale e pretesti vari e cercare di farlo avvenire, questo benedetto cambiamento. L'astensionismo a stecca è: a) uno sbolognare agli altri la responsabilità di quello che succede; b) una conferma dello status quo, perché ad essere praticamente costretti a votare sono tutti coloro ai quali del cambiamento non frega una cippa e che schiafferanno la X sempre sui soliti simboli. Abbiamo un'accozzaglia di liste di buffoni qui da noi? E allora deviamo il voto su qualche lista semisconosciuta con le idee un po' più chiare, facendo in modo che superino la soglia di sbarramento e che diano qualche grattacapo ai listoni dei "big" a Bruxelles! C'è qualche candidato buono nelle liste capitanate dai buffoni? Votiamo una di quelle liste e indichiamo a chiare lettere le preferenze su quei candidati buoni! Non richiudiamoci codardamente nel "facciano loro, io me ne frego" che si risolverà nel mandare a Bruxelles sempre i soliti noti!
Ma tanto so già che è come cercare di spiegare le cose agli asini - o a qualunque altro animale non capisca il linguaggio umano, inclusi, a quanto pare, la maggior parte degli umani medesimi: si perde solo tempo e si rischia di innervosire la bestia.

2 commenti:

cristiana2011-2 ha detto...

" Io me ne frego" è uno degli schieramenti più folti, purtroppo.
Cristiana

Dumdumderum ha detto...

@cristiana
Temo tu abbia ragione. Vabbe', almeno noi, nel nostro piccolo, teniamoci fuori da questo schieramento.