martedì 24 giugno 2014

Porcate nate per generazione spontanea

Chi l'ha voluta quella fottbenedetta immunità parlamentare? Ma nessuno, ovviamente. Nemmeno i due conclamati artefici di questa troiata, cioè la stronzona numero uno del piddì e unghi-munghi-padania: ah, loro non sono mica stati, è stato qualcun altro. Il Bomba non ne sapeva niente; la sua "ministra" tacco 12 meno che mai, ma secondo gli altri invece lo sapeva. Tutto uno scaricabarile, io non sono stato, sei stato tu - no, io non c'entro, è stato Tizio - e Tizio s'inalbera, no, siete stati voi, non tiratemi in mezzo. Tra un po' chi tireranno in ballo? I banchieri? Gli immigrati? Gli alieni? Intanto, in mezzo a tutto 'sto casino, riusciranno comunque a farla passare, assieme alla porcomaialata della "ristrutturazione" del senato, ad aumenti di tasse, a diminuzione delle tutele per i lavoratori, a tagli ai soliti settori Per Nulla Importanti come sanità, trasporti, cultura, stipendi e pensioni. Poi però non osino lamentarsi se chi va su lo fa con il consenso di un quinto degli elettori; non si azzardino a puntare il dito contro l'astensionismo in Italia (astensionismo che io ho sempre condannato, ma ne comprendo le motivazioni alla base). Se l'astensionismo valesse qualcosa, tipo lasciare il 40% dei posti in parlamento vuoti e far costantemente mancare il numero legale per approvare qualsiasi cosa, tutti questi cialtroni abituati ad avviticchiarsi alla poltrona anche con una manciata di voti forse capirebbero che è ora di farsi da parte e lasciare il posto a gente nuova con intenzioni più serie.
(La generazione politica di Andreotti è stata ampiamente criticata. Va bene, non erano dei santi, avevano le mani in pasta un po' dappertutto, erano specialisti in trighi, inciuci e giochi sporchi; ma sapevano perfettamente che per tutelare i propri interessi personali dovevano in primis tutelare quelli della nazione. Nazione contenta politico grasso, no? Ora pensano solo alle loro pance e gli elettori, una volta messa la X sulla scheda, smettono di esistere.)

Nessun commento: