venerdì 25 luglio 2014

Il Bomba è un dittatore: c'erano forse ancora dei dubbi?

Cioè, insofferenza totale da parte del Bomba e delle sue groupie per ogni forma di opposizione parlamentare. Disponibilità a discutere in aula sulle riforme? Tantissima, a parole, ma nei fatti zero. La ministressa boschi (anche lei senza maiuscola, già) impone il contingentamento delle discussioni. Cioè, in soldoni: una fretta mostruosa di cancellare l'elettività del parlamento - e uccidere definitivamente quei residui di democrazia di cui godevamo ancora - e assoluta intolleranza nei riguardi di punti di vista differenti. Se non è dittatura questa...

Nessun commento: