mercoledì 6 agosto 2014

I vegan, la violenza e le censure

Ribadisco:di solito lascio cuocere i vegan nel loro brodo (e non li mangio: la loro carne è del tutto priva di nutrienti...) ma qui siamo di fronte a un caso che fa davvero girare i coglioni a mille. Cioè, si parte da questa notizia - insomma: i vegan, che accusano ogni cibo di origine animale di causare violenza, poi sono i primi a usarla! Già questo è non grave: di più. Fabrizio Leone, blogger noto per aver sbufalato i vegan in lungo, in largo e in qualunque altra dimensione, pubblica questa immagine:


Cosa fa il vegardo in questione? Chiede e ottiene la censura! Cioè, fatemi capire: uno stronzo corca di mazzate la moglie e magari anche le figlie perché vorrebbero mangiare in maniera un po' più sana e normale, poi, di fronte a chi lo denuncia, cosa fa? Smuove mari e monti per far censurare la denuncia! Non tiene affatto conto che il web non dimentica niente, prima di tutto, e che così ottiene il famoso effetto Streisand, e oltre tutto che uno come Fabrizio Leone se la lega al dito e ripubblica l'immagine in questione; non tiene nemmeno conto del fatto che altra gente (tra cui il sottoscritto) s'incazzi a manetta per certi comportamenti. Quindi, a questo punto, io pubblico a mia volta l'immagine per cui Fabrizio è stato censurato, e se lo stronzo in questione me la fa censurare, sappia che la prossima volta lo sputtanerò per nome e cognome.

4 commenti:

Xavier Queer ha detto...

Io sono vegano, lo diventato per scelta. Mi hanno insegnato a rispettare chi la pensa diversamente da me e MAI e poi MAI potrei fare quello che quest'individuo mentalmente disturbato a fatto alla sua famiglia! Altro che censura...
Xavier

Dumdumderum ha detto...

@Xavier
Purtroppo basta il singolo vegardo di turno (con "vegardo" intendo uno stronzo come quello del post) a offuscare la gran massa di vegan che si fanno la loro vita senza scassare il cazzo agli altri. 'Sto tipo oltre alla stronzaggine intrinseca nel corcare di mazzate e di violenze sessuali sua moglie, per giunta lo fa per futili motivi, quindi è doppiamente stronzo.

Alberto Cane ha detto...

Ci sono vegani e vegani. E tra loro anche talebani (ops rima involontaria). E comunque penso che per alcuni sia una moda passeggera. Ne conosco che hanno già abbandonato.

Dumdumderum ha detto...

@Alberto
Vero: tanti abbandonano quando si rendono conto che tagliar via di colpo metà dei nutrienti di cui il corpo ha bisogno è tutto meno che una buona idea. Scrissi tempo addietro un post su una tipa che finì vittima del talebanesimo vegan, e che adesso vive nel costante timore che qualcuno di quei talebani metta in atto le minacce di morte nei suoi confronti. Questo è un caso estremo, comunque; per tanti è davvero la classica moda da inizio estate che ai primi sentori dell'autunno viene mollata.