venerdì 12 settembre 2014

Come si può uccidere un'orsa 3 volte

La povera orsa del Trentino, che fa tanto parlare di sé in questi ultimi giorni, potrà entrare nel guinness dei primati come unico essere vivente che è stato ucciso ben 3 volte:
1) dalla miopia e dall'idiozia di qualche burocrate che, anziché adottare soluzioni di buon senso (tipo addormentarla e trasferirla da un'altra parte) ha optato per la soluzione a forza bruta solo per dar retta ai piagnistei degli allevatori della zona;
2) dall'estrema incoerenza di certe forze "politiche", gli Omini Verdi Xenofobi nella fattispecie, che nel 2011 volevano banchettare a base di carne d'orso per protestare contro l'introduzione di questi plantigradi in Trentino e oggi, cito testualmente: "In Italia si può UCCIDERE un orso, ma non si possono toccare spacciatori, rapinatori, clandestini e delinquenti vari. Vergogna, qualcuno deve pagare!"
3) dall'estrema ipocrisia degli animalardi, che: a) "salverebbero" un qualsivoglia animale infilandolo in una gabbia millimetricamente di misura e corcandolo di bastonate; b) non li vedo tanto a scaldarsi per i milioni di vittime umane che miete la stessa stupidità umana alla base dell'uccisione dell'orsa.
Tra l'altro sembra che quella povera bestia avesse i cuccioli. Lungi da me fare il discorsone moraleggiante su quei poveri cuccioli orfani in balia di un ambiente ostile: in natura i cuccioli restano orfani - e muoiono - per una miriade di motivi. E' solo che il burocrate idiota di cui sopra avrebbe dovuto farsi venire un piccolo scrupolo, non so se mi spiego.

Nessun commento: