lunedì 29 settembre 2014

Piccoli caimani crescono

(Arrivo in ritardo, ma arrivo anch'io.)
Quiz: il sindaco di Napoli è stato condannato per abuso d'ufficio; cosa farà?
a) Si dimetterà ammettendo le proprie responsabilità;
b) Non si dimetterà mai e corcherà di mazzate la magistratura di cui ha fatto parte, sputando nel piatto dove ha mangiato a ufo per tutta la sua carriera lavorativa prima di entrare in politica.
Se avete risposto a), complimenti: avete appena vinto il biglietto per il ritorno sulla Terra dal vostro esilio in una galassia lontana.
Insomma, costui, colto con le mani nel sacco, cosa fa? Non solo non si dimette (come tra l'altro previsto dalla legge Severino) ma lancia invettive a nastro contro i suoi stessi ex-colleghi. Eppure quand'era lui da quel lato della barricata era diventato famoso proprio per la lotta contro simili comporamenti da parte di esponenti del mondo politico: cioè, non era lui tra coloro che si scagliavano contro il caimano per il suo rifiuto di mollare la poltrona nonostante procedimenti a carico e condanne? E adesso si comporta allo stesso identico modo? Comodo così, condannare gli altri ed essere estremamente indulgenti verso sé stessi. Sistema all'italiana, ora e per sempre! Anche quando il caimano si deciderà a schiattare, continuerà a vivere in questi suoi emuli; sradicare il caimanesimo dalle teste degli italiani appare un compito sempre più improbo.

Nessun commento: