giovedì 16 ottobre 2014

Sull'orlo - ovvero, un post catastrofico

Funziona per i media; funzionerà anche per un blog?
Insomma, tutti i media ormai parlano di qualunque notizia in termini apocalittici. L'ultima estate è stata "la più piovosa degli ultimi XXX anni", con XXX=numero da tre cifre in su. Pioggerellina d'autunno=disastro climatico. Battuta di qualcuno=frase shock. Siamo sempre "sull'orlo" di qualcosa, qualsiasi cosa. Ogni notizia, perfino quelle belle, perfino l'assenza di notizie, è foriera di chissà quali catastrofi; qualunque cosa succeda al mondo diviene qualcosa su cui imbastire lo scoop mediatico del secolo.
In definitiva, però, questo bombardamento di "notizioni!!!!!" con una filza di punti esclamativi (invisibili, ma pur sempre presenti) finisce per causare assuefazione nella gente. Drammatizzare tutto all'eccesso porta i creduloni a farsi cogliere dal panico ancora prima di essersi alzati dal letto al mattino, mentre la gente più normale tenderà alla fin fine a ignorare gli strilli mediatici anche quando sarebbero giustificati: il famoso effetto "al lupo al lupo", e quando il lupo arriva davvero a papparsi le pecore nessuno se lo caga più di striscio. Una deriva sensazionalistica che, davvero, ha completamente stravolto il significato che il termine "informazione" ha qui da noi. Siamo sovraccaricati di titoloni reboanti, ma in definitiva non riusciamo neppure a sapere un'infinitesima parte di quello che succede nel mondo.
Bello schifo, davvero.

2 commenti:

cristiana2011 ha detto...

Anche perchè vogliono distogliere l'attenzione su fatti più inerenti la vita reale.Hai ragione, viviamo nel buio più completo.
Buondì.
Cri

Dumdumderum ha detto...

@Cristiana
Questo era sottinteso. Ti rincoglioniscono a colpi di titoloni sensazzzzionali, così tu non capisci più cosa sta succedendo nel mondo.