lunedì 3 novembre 2014

Sovranità del parlamento

Sta cominciando piano piano a riguadagnarsela.
Forse.
Con un piccolo passo ne ha ripreso un pezzettino. Dice un proverbio cinese: il viaggio delle mille miglia inizia con un passo. (Il "forse" qui sopra è dovuto al fatto che al secondo passo potrebbero accusare un improvviso mal di piedi... ma tant'è.) Infatti, sono riusciti a trombare violante (con la minuscola d'obbligo) impedendogli di ottenere la carica per cui era stato scelto per la consulta della corte costituzionale. Alla fin fine, il parlamento ha rivendicato la capacità di nominare o di negare la nomina a personaggi scelti dal governo. Il violante ha optato per rinunciarci, dopo l'ennesima (con enne che tende asintoticamente a infinito) fumata nera.
Un piccolo passo per restituire al parlamento la P maiuscola oppure un episodio sporadico? Al momento, trattandosi di avvenimento isolato, è impossibile dirlo, ma chissà.
(Bicchiere mezzo pieno, mezzo vuoto - o è piscia?)

2 commenti:

fata confetto ha detto...

Non me la sentirei di esultare, ma meglio di niente!
Ti aspetto sul mio Schiaccianoci,
a presto:-)
Fata C

Dumdumderum ha detto...

@Fata Confetto
Accontentiamoci, per ora, e vediamo gli sviluppi della situazione.