martedì 16 dicembre 2014

Olimpiadi? Ma anche no.

L'ultima sparata del Bomba: candidare l'Italia per le Olimpiadi del 2024. E questo dopo che perfino l'Avvoltoio aveva decretato inammissibile tale candidatura per mancanza di fondi. Figurarsi, però, se il Bomba si lasciava sfuggire l'ennesima occasione per buttare lì una delle sue solite promesse stratosferiche (il fatto che nel 2024 non sarà più lì da un bel pezzo non l'ha minimamente sconvolto).
Ma Olimpiadi di che? Della corruzione, come l'Expo? Prima bisogna sistemare tutti i problemi che abbiamo, e ci vorranno secoli! Dobbiamo risollevare la nostra economia dal baratro, dobbiamo fare in modo che i giovani trovino un lavoro - anche tornando al vecchio sistema di mandare i vecchi in pensione dopo 35 anni di lavoro - e dobbiamo garantire alla gente un buon servizio sanitario, l'accesso per tutti alla cultura, un'infrastruttura dei trasporti efficiente, un benessere sociale che abbiamo ormai perso; soprattutto dobbiamo ripristinare il concetto di legalità facendo in modo che chiunque sbagli paghi in proporzione al reato commesso, attuando una lotta senza tregua alla criminalità organizzata, alla corruzione e all'evasione fiscale. Solo dopo che avremo realizzato tutto questo potremo ventilare l'idea di candidarci per le Olimpiadi: in ogni caso, non prima del 2324, mi spiace. Se mai l'Italia dovesse proporre questa inopinata e inopportuna candidatura, l'unica speranza è che il Comitato Internazionale Olimpico la bocci senza se e senza ma.

giovedì 11 dicembre 2014

Istituiamo la giornata mondiale delle giornate mondiali

Insomma, gira e rigira, ogni giorno mi sveglio e scopro che è la giornata mondiale di questo o di quell'altro. Ogni singolo giorno. Qualcuno mi spieghi che senso ha sapere che oggi è la giornata mondiale del vattelapesca e domani, magari, sarà la giornata mondiale di 'sta cippa. Questa mania delle giornate mondiali è davvero ridicola; e alle giornate mondiali non vogliamo dedicare una giornata mondiale? Tanto per moltiplicare il ridicolo per sé stesso.

mercoledì 10 dicembre 2014

Basta col videosciacallaggio

Era davvero il caso di mettere online il video di un cantautore che muore durante un concerto? Fa notizia di per sé che sia morto proprio mentre si esibiva; ma, punto primo, non è venuto in mente a quei cretinetti con lo smortofono di piantarla lì di fare riprese per il solo gusto morboso di farle? E, punto secondo, alle testate "giornalistiche" non è venuto in mente di lasciar perdere la pubblicazione di un video del genere? Attirare clic sulle spalle di un morto, e soprattutto causare ulteriore dolore alla famiglia, è davvero ignobile. Mango riposi in pace, e i videosciacalli invece patiscano tutte le pene dell'inferno!

giovedì 4 dicembre 2014

Bel record, proprio

L'Italia è la prima nell'unione europea(*) per corruzione. Già, proprio un bel record quello che abbiamo stabilito. Secondo dati della Corte dei Conti, chi paga le tasse da noi? Dipendenti e pensionati. Le entrate fiscali sono per circa l'80% derivate dalle ritenute su tali redditi. Sempre secondo la Corte dei Conti, l'evasione è fuori controllo, parlano di assenza di deterrenza del sistema di contrasto. Cioè, chi è OBBLIGATO a pagare le tasse le versa fino all'ultimo centesimo, e le paga anche per quelli che non versano un centesimo bucato. Siamo riusciti a battere perfino la Bulgaria in questo. Ecco, questa è l'Italia del caimano, del Bomba, di Re Giorgio Riconfermato e di tutti gli altri di questa cricca infame.
(Ho scoperto l'acqua calda, dirà qualcuno. No, è solo un girare e rigirare ad infinitum il dito sempre nella stessa piaga purulenta.)


(*) altro ente che si è guadagnato le sue belle minuscole; ma ne parlerò, se ne ho voglia, in altri post



mercoledì 3 dicembre 2014

Salv(in)ateci!

Ovvero, salvateci dall'avanzata del partito degli Omini Verdi Xenofobi, rappresentati dall'OVX rampante del momento, tale matteo salvini (minuscole d'obbligo).
Il vuoto politico lasciato dal movimento 5 cronache-di-morti-annunciate finirà per avvantaggiare i suoi due diretti avversari, in parte per un'emorragia di elettori nei loro confronti, ma per la maggior parte per un'emorragia verso il partito degli astensionisti. E astensionismo vuol dire lasciar vincere quelli contro cui in teoria si intenderebbe protestare: questo ancora non è entrato nella capoccia di molti. Adesso, di quei pochi rimasti che andrebbero a votare qualcuno si orienterebbe verso il Bomba, ma tanti, troppi, invece punterebbero sugli OVX, guidati dalle loro pance, dall'innato razzismo italiota (inspiegabile: l'Italia in tutta la sua millenaria storia è sempre stata multietnica e multiculturale, da vero crocevia in mezzo al Mediterraneo) e dal fatto che salvini purtroppo sia un tipo molto concreto, non incline a promesse altisonanti al ritmo di una al secondo. Così, un dieci per cento di italiani andranno a votare e almeno il sessanta per cento di quel dieci per cento voterà OVX. Avremo l'Italia sotto regime fascista (verde anziché nero) con un 6% di voti validi.
Bah, è davvero meglio che vada a chiedere se qualcuno mi vende un'astronave di seconda mano, per tornarmene alla mia casetta su Marte.