venerdì 9 gennaio 2015

Charlie Hebdo e i complottardi

Eh già, non potevano mancare. Quelli che "sulla Luna non ci siamo mai stati", "l'11 settembre non è mai avvenuto", cimpa, limpa, rava & fava, adesso "Charlie Hebdo: non ci credo".
Cioè, dovete morire voi per crederci?
Spiegare tutto con la teoria del GOMBLODDO è troppo facile; andate a dirlo ai familiari di chi ogni giorno muore per mano di pazzi fanatici disumani, che il loro congiunto non è morto, che è tutto un GOMBLODDO. E non parlo solo della redazione di Charlie Hebdo: è solo un caso, e come ho detto ogni giorno qualcuno ci lascia la pelle a causa di qualche merdoso terrorista. Andate a raccontarla a questa gente, e poi fate un favore al mondo: piazzatevi sulla linea di tiro di un AK-47 maneggiato da un terrorista e continuate a gridare GOMBLODDO, GOMBLODDO mentre vi spara.

3 commenti:

cristiana2011 ha detto...

Il loro sport preferito è di accusare gli altri di raccontare balle: deformazione caratterialae?
Cristiana

Xavier Queer ha detto...

I coglioni negazionisti pullano come brufoli sul culo, andrebbero schiacciati.

Dumdumderum ha detto...

@Cristiana
E, nell'accusare gli altri di raccontare balle, tirano fuori teorie talmente incoerenti che si smontano da sole già alla seconda frase.

@Xavier
Forse riescono ad essere perfino meno umani dei terroristi; negare perfino l'evidenza più schiacciante non è un comportamento degno di un essere raziocinante.