giovedì 5 marzo 2015

Lista delle formazioni votabili in Italia

(Inizio lista)

(Fine lista)
Già: nessuna. In caso di qualsivoglia elezione - comunale, regionale (le province non si votano più: i loro organi saranno scelti dai partiti), nazionale (che rimane solo più un pro forma) - vincerebbe a man bassa il partito astensionista, che (insisto) la regalerebbe a chiunque si sia rivelato abbastanza forte da guadagnare un voto più dei diretti avversari.
Cioè:
- il "partito" del Bomba: gli zerbini del figlio spirituale del caimano, dal medesimo piazzato lì per riuscire (visto che è "de sinistra") a mettere in pratica tutte le porcomaialate per le quali il caimano stesso veniva costantemente fermato;
- il residuo del "partito" del caimano medesimo: sono necessari commenti in questo caso?
- il movimento 5 catastrofi artificialmente indotte: un "partito" basato sul vaffa, sul "mandiamoli tutti a casa", sull'insulto gratuito, sul complottismo a stecca, sull'inesistenza totale di valide proposte alternative, sul voler correre a tutti i costi da soli - naaaa.
- Omini Verdi Xenofobi e cazzapound: colori diversi, apparenti ideologie diverse, ma sempre fascistelli della domenica pomeriggio sul tardi, che dimostrano chiaramente di non aver mai preso in mano un libro di storia neppure alle elementari;
- i milioni di partitelli monoindividuo che dovrebbero costituire una "sinistra alternativa" al Bombapartito, e che invece non riescono a mettersi d'accordo nemmeno sul colore del cielo sereno di giorno;
- "partiti" messi su alla bella meglio da ex-magistrati iperpoliticizzati: guardate che fine hanno fatto, e spero proprio che non ne sbuchi un altro - a ognuno il suo mestiere: un magistrato faccia il magistrato, anziché cercare un'affermazione in un mondo relativamente al quale non capisce una beata fava;
- un sindacato politicizzato: posso solo augurarmi che Landini non finisca per cascare in questa trappola; abbiamo bisogno di lui come leader di un sindacato forte, non di un soggetto politico che, in quanto tale, diverrebbe una mera macchina acchiappapoltrone come tutte le altre formazioni.
Ecco, siccome in Italia non abbiamo (e conoscendo la popolazione non avremo mai) un partito come Syriza o Podemos, di votabile c'è rimasta la lista che ho riportato in cima. Questo non giustifica l'astensionismo galoppante, ma permette di comprendere perché la popolazione italiana è sempre più scollata dalla politica e ha sempre meno fiducia in partiti e istituzioni.

Nessun commento: