martedì 24 marzo 2015

Made in ItalChina

Abbiamo perso uno degli ultimi pezzi dell'industrializzazione italiana. La Pirelli è passata in mano ai cinesi, diventando... Pilelli. Ancora una volta, grazie Bomba per come riesci a massacrare all'inverosimile il nostro ormai moribondo sistema produttivo. Per fortuna "Italia" non ha la R: almeno i cinesi riusciranno a pronunciare bene il nome quando il nostro paese diverrà il feudo privato di qualche mandarino.

2 commenti:

Xavier Queer ha detto...

L'italia è per un terzo americana, per un terzo tedesca, per un terzo cinese e per un terzo un paese rincoglionito.

Dumdumderum ha detto...

@Xavier
E l'ultimo terzo è quello che predomina su tutti gli altri.