giovedì 30 aprile 2015

Q. E. D. - Aggiunta al post di martedì

Quod erat demonstrandum, già. Un solo dissidente cronico, sì, quello già citato, di questa "minoranza" del partito tafazzista, ha avuto l'ardire di votare contro. Gli altri, dopo tutti gli strepiti, cos'hanno fatto? Semplicemente si sono defilati, non hanno votato! E coi soliti voti dei caimaniani e di altri di quella risma la fiducia (che, tra l'altro, non doveva neppure essere posta: l'ultimo che lo fece instaurò in tal modo un ventennio di dittatura sanguinaria) è passata. Be', a tutti questi "dissidenti" per modo di dire, tanto buoni a spararle grosse quanto codardi al momento in cui dovrebbero davvero passare dalle parole ai fatti: fate prima, non partecipate nemmeno più alle sedute in parlamento, tanto non servite a un beato cazzo.

Nessun commento: