lunedì 27 luglio 2015

Sistema all'italiana, ora e per sempre

Linko qui un articolo di Alessandro Gilioli dal titolo Il sindaco siamo noi. Esprime in pieno, e con terminologia assai efficace, il perché e il percome in Italia non si riesce a cambiare strada. Se continuiamo a mettere agli alti vertici gente che si comporta esattamente in questa maniera, pensando solo ai propri porci comodi e strafottendosene degli altri, ma con troppo potere tra le mani, l'Italia andrà sempre più in vacca. Dobbiamo cominciare a pensare anche all'esistenza degli altri; perché non solo il sindaco, ma gli altri siamo noi.

5 commenti:

cristiana2011 ha detto...

E' innegabile ciò che evidenzia Gilioli, anche se bisogna anche dire che questa incuria da parte dei cittadini, peggiora in certe zone del meridione.
Per quanto riguarda Roma, è incredibile quanto i sindaci e le giunte l'abbiano abbandonata ai vandali senza correre minimamente ai ripari.
Cri

Dumdumderum ha detto...

@Cristiana
Permettimi di contraddirti: vivo al nord, e noto la stessa identica dose di sbattiballismo indicata da Gilioli riguardo a Roma. Cacchine di cani? Veicoli parcheggiati alla rrrrrazzo di rrrrrane? Immondizia lasciata lì alla bella meglio tanto la raccoglie lo spazzino? Dueruote (con e senza motore) che si fanno i loro porci comodi in dispregio delle regole (e senza rispettare sé stessi, perché se picchiano si fanno MOOOOLTO male)? Gente che se ne strafotte del biglietto dei mezzi pubblici? Multe fatte annullare da amici o da giudici compiacenti? Feste con tanto di sporcizia e deiezioni umane? Film già visto, mica solo a Roma. L'intera Italia è famigerata all'estero per la totale inciviltà e il totale sbattiballismo dei suoi abitanti. Perché mai siamo l'unico paese al mondo dove per prendere un carrello al supermercato ci devi ficcare la monetina? E questo è solo un esempio.

@enio ha detto...

in Italia buona parte dei politici è corrotta e per fortuna che la magistratura ogni tanto ne becca qualcuno...è tutta una trama losca di gente che ruba difficile da scovare!

cristiana2011 ha detto...

Anche io vivo al nord, a Como, ove non mancano le situazioni che ci distinguono come un popolo di strafottenti maleducati.
Non so da quanto manchi da Roma, ma ti assicuro, essendoci stata di recente, che se non vedi non puoi credere.
Ciao Dum.
Cri

Dumdumderum ha detto...

@@enio
La mia sensazione è che la magistratura becchi ogni tanto qualche politicante da strapazzo soltanto quando i suoi colleghi gli hanno fatto le scarpe.

@Cristiana
Roma spicca perché è la capitale; ma lo stesso degrado l'ho visto a Milano, a Torino, a Padova e perfino nella piccola Aosta, poco più di un grosso villaggio come dimensioni ma lercia come una grande metropoli. E ho visto ovunque anche lo stesso degrado morale, non solo quello fisicamente visibile. A Roma ci sono stato poco tempo fa: sì, è penosa, ma come ho detto fa notizia perché è Roma, non perché sia diversa dalle altre città. "Roma capoccia der monno infame", cantava Venditti...