venerdì 27 marzo 2015

Intercetta tua sorella

Il Bomba prima ti ficca nel DL sul terrorismo una bella norma per autorizzare il governo a corcare i PC della gente di malware "istituzionale" e spiarli da remoto; poi torna indietro e lo fa stralciare. Forse perché sul cinguettatore folle devono avergliene dette di tutti i colori - non lo so per certo, non usando il cinguettatore folle. Chissà, forse verrà fuori che quella norma si è autoinserita, come già successo con altre vaccate che recavano in prima battuta la firma del Bomba. Ma ci vuol prendere per deficienti? A bischero, leggi e metti in pratica il titolo del post!

giovedì 26 marzo 2015

Questo romanzo non s'ha da leggere

Continua l'opera di distruzione attuata dal Bomba ai danni della cultura italiana. Adesso il bischero fiorentino s'è scagliato contro "I Promessi Sposi", che vorrebbe abolire addirittura per legge. Tra un po' si scaglierà direttamente contro le scuole, perché l'istruzione è dannosa e va abolita.
D'accordo: il romanzone di Manzoni è un mattonaccio già di per sé (vizio, pare, comune a tutti i romanzi del 1800), e come te lo propinano a scuola te lo fa odiare visceralmente - non si può passare anni e anni di scuole superiori a fare analisi grammaticale, logica e del periodo su ogni singolo passaggio del libro; un libro va letto, capito, e la lezione su queste opere letterarie deve essere più una discussione relativa alla trama o ai personaggi, per fare un esempio; però il disegno del Bomba è chiaro: aboliamo la cultura, manteniamo il popolo bue, intortiamolo bene con favolette come i famigerati 80 euro, così avremo la poltrona stabile fino alla morte. E la gente lascia fare, questo è il problema; una sparata simile da parte del caimano - tanto per citarne uno a caso - avrebbe causato una mezza (già, solo mezza, purtroppo) sollevazione popolare; viene dal Bomba e va tutto bene. Qualcuno oltre ai blogger s'è scaldato per questa sparata? Naaaa. E si sa, noi blogger contiamo come il due di bastoni quando briscola è coppe.
Puah. Devo veramente trovare un volo di linea per tornare su Marte.

martedì 24 marzo 2015

Made in ItalChina

Abbiamo perso uno degli ultimi pezzi dell'industrializzazione italiana. La Pirelli è passata in mano ai cinesi, diventando... Pilelli. Ancora una volta, grazie Bomba per come riesci a massacrare all'inverosimile il nostro ormai moribondo sistema produttivo. Per fortuna "Italia" non ha la R: almeno i cinesi riusciranno a pronunciare bene il nome quando il nostro paese diverrà il feudo privato di qualche mandarino.

mercoledì 18 marzo 2015

Le carezze ai corrotti

Non si deve lamentare, il Bomba, quando qualche magistrato accusa lo stato di accarezzare i corrotti e bastonare magistrati, vecchi, giovani, lavoratori dipendenti. No, proprio no, quando il "governo" (perfino con le virgolette suona come una bestemmia, qui da noi) ha nei ranghi alti - un ministro! - dei corrotti all'ennesima potenza, quando fa di tutto di più per riuscire a riabilitare un criminale marcio fino al midollo, quando non solo tollera, ma addirittura incoraggia un inquisito a partecipare alle prendiperilcularie come candidato a presidente regionale. Eccetera: altrimenti vado avanti fino al 2060 a elencare casi di corruzione. Intanto: i vecchi si trovano con le pensioni diminuite; i giovani non trovano lavoro se non come precari ipersottopagati che possono essere sbattuti in mezzo alla strada a volontà; i lavoratori dipendenti (intortati dalla favoletta degli 80 euro che hanno già visto svanire in aumenti delle tasse e delle tariffe dei servizi) non godono più di alcuna tutela; e in più, la sanità funziona sempre peggio, l'istruzione è diventata una cosa da ricchi, i nostri beni culturali stanno andando a scatafascio, i trasporti funzionano meglio nel terzo mondo, e fra un po' ci toccherà di pagare anche per l'aria che respiriamo. No, non si azzardi a lamentarsi, il Bomba, se si prende (anche letteralmente) pesci in faccia da qualcuno.

giovedì 12 marzo 2015

La scajolite è contagiosa

To', ma guarda, il caimano "non sapeva". E dato che "non sapeva" la cazzazione l'ha assolto. Che brutta malattia la scajolite: contagia davvero tutti, a qualunque livello; perfino i magistrati vengono colpiti, anche se in maniera diversa: se un criminale si presenta in tribunale dicendo che "non sapeva" (sintomo della scajolite per i criminali), i giudici gli credono (sintomo della scajolite per i magistrati). E il vaccino? Mah, chissà, forse lo scoprirà un italiano che è andato a studiare e a lavorare all'estero. Adesso vado ad ammazzare qualcuno, poi ai giudici propinerò un bel "non sapevo che la mia azione sarebbe risultata mortale". Forse mi assolveranno? Mi sa di no: la scajolite contagia i giudici solo quando l'imputato è un Very Idiot Pirla.

mercoledì 11 marzo 2015

Siediti in riva al fiume e aspetta

Aspetteremo questa riforma costituzionale che è passata alla camera (e che probabilmente passerà pure all'ormai condannato senato) sulla riva del fiume del referendum confermativo. E qui, stavolta, la speranza c'è: sarà la gente, una buona volta, a far capire al cretinotto di Firenze che forse non è il caso di farsi i propri giochetti con la Costituzione.

venerdì 6 marzo 2015

Le farloccarie colpiscono ancora

Dalle "primarie" ovviamente farlocche - come sempre - in Campania è venuto fuori il nome di un incandidabile. Proprio incandidabile: quel tizio ha precedenti penali che, in caso di elezione come presidente regionale, ne causerebbero l'immediata espulsione ai sensi della famigerata legge Severino. Quindi, gira e rigira, ci sarà un'abrogazione ad personam della citata legge.
Aspettate, adesso arriva il bello.
Di questa abrogazione ad personam non sarà solo questo tipo a beneficiare. Ne approfitterà alla grande anche il caimano, che finora non era riuscito a farla abrogare nonostante tutti i suoi patetici tentativi, e che alla notizia di come sono andate le troiarie in Campania avrà cominciato a fare salti di gioia. Non che cambi molto averlo di nuovo in pirlamento o lasciarlo fuori; solo che con questa riabilitazione l'Italia si farà per l'ennesima volta una gran figura di merda a livello mondiale; e non abbiamo proprio bisogno di affondare ancora più nel mare di merda rimettendo un impresentabile su una poltrona istituzionale.

giovedì 5 marzo 2015

Lista delle formazioni votabili in Italia

(Inizio lista)

(Fine lista)
Già: nessuna. In caso di qualsivoglia elezione - comunale, regionale (le province non si votano più: i loro organi saranno scelti dai partiti), nazionale (che rimane solo più un pro forma) - vincerebbe a man bassa il partito astensionista, che (insisto) la regalerebbe a chiunque si sia rivelato abbastanza forte da guadagnare un voto più dei diretti avversari.
Cioè:
- il "partito" del Bomba: gli zerbini del figlio spirituale del caimano, dal medesimo piazzato lì per riuscire (visto che è "de sinistra") a mettere in pratica tutte le porcomaialate per le quali il caimano stesso veniva costantemente fermato;
- il residuo del "partito" del caimano medesimo: sono necessari commenti in questo caso?
- il movimento 5 catastrofi artificialmente indotte: un "partito" basato sul vaffa, sul "mandiamoli tutti a casa", sull'insulto gratuito, sul complottismo a stecca, sull'inesistenza totale di valide proposte alternative, sul voler correre a tutti i costi da soli - naaaa.
- Omini Verdi Xenofobi e cazzapound: colori diversi, apparenti ideologie diverse, ma sempre fascistelli della domenica pomeriggio sul tardi, che dimostrano chiaramente di non aver mai preso in mano un libro di storia neppure alle elementari;
- i milioni di partitelli monoindividuo che dovrebbero costituire una "sinistra alternativa" al Bombapartito, e che invece non riescono a mettersi d'accordo nemmeno sul colore del cielo sereno di giorno;
- "partiti" messi su alla bella meglio da ex-magistrati iperpoliticizzati: guardate che fine hanno fatto, e spero proprio che non ne sbuchi un altro - a ognuno il suo mestiere: un magistrato faccia il magistrato, anziché cercare un'affermazione in un mondo relativamente al quale non capisce una beata fava;
- un sindacato politicizzato: posso solo augurarmi che Landini non finisca per cascare in questa trappola; abbiamo bisogno di lui come leader di un sindacato forte, non di un soggetto politico che, in quanto tale, diverrebbe una mera macchina acchiappapoltrone come tutte le altre formazioni.
Ecco, siccome in Italia non abbiamo (e conoscendo la popolazione non avremo mai) un partito come Syriza o Podemos, di votabile c'è rimasta la lista che ho riportato in cima. Questo non giustifica l'astensionismo galoppante, ma permette di comprendere perché la popolazione italiana è sempre più scollata dalla politica e ha sempre meno fiducia in partiti e istituzioni.

mercoledì 4 marzo 2015

Il ciabattino con le scarpe rotte

Tale Roberto Helg, presidente della Camera di Commercio di Palermo, tempo addietro annunciava l'istituzione di corsi anticorruzione per i suoi colleghi "tentati dal demonio del denaro" (parole testuali). Mo' l'hanno arrestato per corruzione...