lunedì 25 gennaio 2016

I miei 2 centesimi sulla questione della famiglia

Domanda: che cos'è quel fottuto "giorno della famiglia" (no, mi rifiuto di dirlo in ostr babi quella lingua là)?
Risposta: è il giorno in cui pluridivorziati con figli avuti da chissà chi e con amanti usate addirittura per cornificare altre amanti si ergono a paladini della "famiglia tradizionale", con l'appoggio di uomini che questa famiglia non sanno nemmeno cosa sia - sì, hanno avuto dei genitori, ma non sanno nulla di come si gestisce una famiglia.
Ma intanto: cos'è la famiglia?
Risposta troppo facile e scontata: per come la concepiamo noi è un puro e semplice costrutto umano. Se già questi paladini delle battaglie perse cominciano a parlare di "famiglia naturale" non sanno di cosa stanno parlando, perché in natura le famiglie di tipo umano non esistono. E quindi, "tradizionale" che vuol dire?
Niente. Vuol semplicemente dire, senza mezzi termini, che questi personaggi di dubbia moralit assolutamente certa immoralità si permettono di negare dall'alto della loro immensa tracotanza il diritto a chiunque di mettere in piedi una famiglia di tipo umano. Ma intanto se esistono delle tradizioni è diritto di chiunque scegliere se rispettarle o meno, e non esiste tradizione senza innovazione; in ogni caso nessuno ha il diritto di negare ad altri diritti che non sono espressamente proibiti da qualche legge - e non abbiamo nessuna legge che vieti di mettere in piedi famiglie anche non "tradizionali". Hai il diritto di uccidere? No: la legge (anche quella non scritta che si chiama morale) te lo vieta. Hai il diritto di metterti insieme a chi vuoi, a prescindere dal sesso e dalla quantità? Sì, perché non esistono divieti in tal senso. Sei un "tradizionalista" e non vuoi complicazioni sentimentali con triangoli o relazioni ancora più estese? Bene, ma è una tua scelta che non puoi far piovere dall'alto su altri che non la pensano come te.
Dulcis in fundo, bisogna tener conto che le peggiori nefandezze avvengono sempre nell'ambito di queste famiglie "tradizionali". I più grandi paladini di questo tipo di famiglia sono mediamente personaggi che passano le giornate a insultare e magari a pestare a sangue le loro mogli, magari perfino di fronte ai figli, e che hanno tante amanti quanti sono i giorni della settimana. Per non parlare di quegli altri paladini, i senza famiglia che magari perpetrano i loro porci comodi su bambini indifesi segnandoli a vita e impedendo loro di poter anche solo pensare a mettere su famiglia, tanto rimangono scioccati da quello che hanno subito durante l'infanzia.

6 commenti:

cristiana2011 ha detto...

Ma come fai ad avere sempre ragione da vendere?

Cri

Dumdumderum ha detto...

@Cristiana
In questo caso, vinco troppo facile.

Zio Scriba ha detto...

Parole SANTE. Che sottoscrivo. Naturalmente i nostri me(R)dia scrivono altro, o quantomeno appoggiano furbescamente altro. Oggi un grande giornale pubblicava la bella e dolcissima testimonianza della nonna di una nipotina con due madri e generata in Danimarca tramite donatore. Peccato le abbiano dato la forma quasi invisibile di trafiletto bislungo, mentre ieri davano tutta una pagina con titolone ai deliri di un Cavron religioide...

Dumdumderum ha detto...

@Zio Scriba
Ti stupisci di quello che raccontano i meRdia? Per citare ancora il Belli, S.P.Q.R.=Soli preti qui rregneno. Ribadisco: se nel periodo in cui il vaticancro s'era trasferito ad Avignone avesse deciso di rimanerci, avrebbe esercitato assai meno pressioni sull'Italia, e magari i meRdia sarebbero stati un po' più liberi dalle influenze religioidi.

Zio Scriba ha detto...

Il bello è che le pressioni le fanno ormai SOLO su questo povero, sventurato paesucolo, l'unico che riescono a mantenere arretrato e troglodita coi loro strepiti: non si rendono conto che questa è una dimostrazione di IMPOTENZA, per loro che si pretenderebbero "universali"? Persino i religiosissimi irlandesi si fanno beffe dei loro ragli talebanoidi!

Dumdumderum ha detto...

@Zio Scriba
Sanno che tanto qui nessuno si ribellerà alla questione, se non noi quattro blogger spelacchiati che abbiamo lo stesso potere di cambiare le cose come di uccidere un elefante a sputi negli occhi.