martedì 22 marzo 2016

Guerra? No: azioni da codardi

Un attacco terroristico non è un atto di guerra. I terroristi sono troppo vigliacchi per dichiarare apertamente guerra a una grossa potenza (sgangherata, ma sempre grossa) come l'Europa: si limitano a far scoppiare bombe all'aeroporto e nella metropolitana di Bruxelles. Sì, hanno causato vittime innocenti: da bravi codardi, se la prendono coi civili inermi, non con obiettivi militari, a cui non si avvicineranno mai.
Ma, brutti figli di puttane storpie che non siete altro, voi terroristi di merda: che cazzo c'entra la popolazione con le vostre beghe? Vi auguro che le prossime bombe che cercherete di piazzare siano difettose e vi scoppino dritto su quei musi da cagasotto che vi ritrovate.

4 commenti:

cristiana2011 ha detto...

Soprattutto fanatici, perchè ci sono pure quelli che s'immolano.
Come andrà a finire Dum ? Saremo prigionieri in casa e le prossime generazioni, probabilmente, non potranno conoscere il mondo.
Cristiana

Dumdumderum ha detto...

@Cristiana
Sbagliato: continueremo a vivere come abbiamo sempre vissuto; tanto è più probabile morire per incidente stradale, o per cancro, o per un crollo, o per svariati altri motivi. Anzi, al fatto che i terroristi possano piazzare una bomba proprio dove passiamo noi non dobbiamo dare il minimo peso: l'arma dei terroristi è, appunto, il terrore, e noi non dobbiamo lasciargliela usare. Se ti rintani in casa con la paura di subire attentati da questi codardi, loro avranno ottenuto il loro risultato, di rendere la gente ancora più codarda di loro.

Vincenzo Iacoponi ha detto...

Il terrorista non è un soldato di un esercito regolare che spara sui soldati nemici, qualche volta, mentre i suoi aviatori sganciano bombe alla cazzo di cane randagio che vanno SEMPRE sopra le testa della gente inerme che la guerra la subisce. Ma quella è guerra, si dice, cioè quella è la merda organizzata.
Il terrorista veste come te e me e anche come Cristiana e magari sembra innocuo e DEVE sembrare innocuo, perché lui è un TERRORISTA, che dalla parola terrore significa appunto uno che dopo che è passato lui rimane niente, solo terrore.
Puoi terrorizzare un esercito di soldati? Ma quando mai. Allora spargi il terrore tra donne, vecchi, vecchiette e bambini. Fai in modo che la gente non abbia più voglia di uscire di casa, per esempio, come AnnaMaria mia moglie, che non vuole più venire a Parigi e non la schiodiamo più. Così il terrorista ha ottenuto il suo scopo: mi ha rovinato i prossimi mesi.
Ed è esattamente quello che vuole il terrorista di merda.

Dumdumderum ha detto...

@Vincenzo
Già: proprio per questo affermo che non bisogna lasciarsi terrorizzare. Tanto qui da noi era la stessa cosa con le famigerate "brigate rosse" (che di "rosso" non c'avevano un cazzo... ma questo è un altro discorso); ero bambino quando impazzavano, e non mi ricordo che gli adulti intorno a me si mostrassero tanto preoccupati. A un codardo bisogna sputare in un occhio, non farsi spaventare dalle sue gradassate messe in piedi solo per nascondere la sua vigliaccheria.