venerdì 29 aprile 2016

La logica non è più di questo mondo

Una notiziola passatami da amici: sembrerebbe che un'organizzazione sindacale (di quelle che hanno 3 iscritti: il presidente, il segretario e il tesoriere...) abbia indetto uno sciopero per, udite udite, il 1° maggio!
Cioè, fatemi capire. Sciopero vuol dire astensione dal lavoro, no? E chi cazzo lavora il 1° maggio (senza contare che il bastardissimo calendario quest'anno ce lo fa finire pure di domenica)? A parte quelli che lavorano in servizi essenziali, come sanità e trasporti, che devono lavorare anche i festivi, e che comunque non si asterrebbero (pena la precettazione) proprio per la delicatezza di questi servizi essenziali.
Ma sì, dai, asteniamoci dal lavoro in un giorno festivo! Come se me ne fregasse qualcosa tutti gli altri festivi dell'anno di alzarmi presto al mattino e recarmi sul posto di lavoro!
Davvero, come dice il titolo, la logica non è più di questo mondo. E questo sindacato penso proprio che rimarrà coi suoi 3 iscritti e basta.

3 commenti:

Xavier Queer ha detto...

Uno sciopero alla Luca Nervi o se preferisci ai sindacalisti della domenica!

Vincenzo Iacoponi ha detto...

Io mi ricordo quando la CGIL faceva gli scioperi quelli veri, che i Celerini di Mario Scelba si bagnavano il culo al pensiero di andare a manganellare e a prenderne a vagonate. Quelli erano scioperi e non cazzate. Lì se non eri veloce ti veniva l'Alzheimer antitempo per le mazzate.
Quel sindacato oggi balbetta. Questa Polizia fa la seghe ai cani randagi. Questo governo fa cagare. Questi italiani fanno schifo.
Equazione risolta.

Dumdumderum ha detto...

@Xavier
Davvero. Questi sono veramente sindacalisti della domenica.

@Vincenzo
Se avessimo ancora un vero sindacato, il governo non sarebbe riuscito a far passare tutte le minchiate come il giosbàt (no, insisto a non volerlo né scrivere né pronunciare come lo vorrebbero loro). Ormai è da almeno trent'anni che in Italia non abbiamo più un sindacato degno di questo nome.