giovedì 26 maggio 2016

Prego, si oscurino le televisioni

È partita la campagna mediatica televisiva per far votare Sì a quella schifezza. E, si sa, i teledipendenti sono affetti da boccaloneria cronica aggravata e si bevono tutte le panzane servite dalla TV, perché, ah, sì, l'hanno detto in TV, la TV non sbaglia mai. In TV il Bomba e i suoi compagni di merende sono già riusciti ad attribuire un Sì farlocco a personaggi che purtroppo non riusciranno a risorgere dalla tomba in tempo per sbugiardarli. Quindi, a questo punto, sarebbe davvero opportuno se gruppi come Anonymous compissero un'azione di forza tale da oscurare tutte le emittenti televisive, anche quelle da uno spettatore e mezzo, da adesso fino a ottobre. Almeno così i teledipendenti arriverebbero al referendum con la loro idea e non con quella imposta dalla scatola delle menzogne.

4 commenti:

cristiana2011 ha detto...

Se pensi che la maggior parte degli elettori vaghi senza una propria personalissima idea e sia plagiabile, allora siamo messi assai male.
Cristiana

Dumdumderum ha detto...

@Cristiana
La scatola delle menzogne ha ancora un potere persuasivo troppo grande per sottovalutarlo. In TV pomperanno per il sì, sul web per il no; in definitiva il referendum si ridurrà a una battaglia tra mezzi di comunicazione tradizionali e moderni. Comunque, togliere di mezzo la TV costringerebbe tanti ad andare a raccogliere informazioni su web, e solleverebbe moltissimi dubbi dove la TV invece ammannisce certezze preconfezionate che vengono incamerate senza il minimo spirito critico. Chi era che aveva detto che la televisione è l'oppio dei popoli?

@enio ha detto...

io guardo la tv e per vedere programmi che mi interessano me la pago anche (SKY TV)e non credo di poter essere influenzato da programmi farlocchi. So cosa votare a Ottobre da tempo. Il problema non è spaer cosa votare ma andare a votare e quì "farlocchi" sono gli italiani (italioti) che non ci vanno.

Dumdumderum ha detto...

@@enio
Immagino che tu sia (giustamente, dico io) molto selettivo su cosa guardi in TV. Sono le reti "generaliste" il problema: sono seguite da troppa gente, e quindi hanno troppo potere di influenzare il voto. Riguardo all'affluenza alle urne, per il referendum di ottobre non è necessario il quorum; basta riuscire a convincere anche un solo italiano in più di quelli che intorterà la propaganda di regime per vincere. Ovviamente, però, se tutta quella banda di gradassi-da-lontano che abbiamo qui decidesse una buona volta di essere meno codarda e sbattiballe e andasse a votare sarebbe decisamente meglio.