giovedì 13 ottobre 2016

Via dalle palle!

Esortazione (no: ordine definitivo e inderogabile) a una delle ministresse(*) del Bomba-sgoverno, tale beatrice lorenzin - sì, minuscole d'obbligo - con la sua trovata del giorno della fertilità. Ah, sì, non si chiama "giorno della fertilità"? Spiacente: mi sono rotto i coglioni di questo sgoverno che nasconde le intenzioni più turpi dietro termini in babigot ostrolones quella lingua là che quasi nessuno capisce. S'è scatenato il web a seguito di questa puttanata astronomica del g.d.f.; ma non basta: il web è come le chiacchiere da bar, urla e insulti e poi chiusa lì. Bisogna pretendere a gran voce che la ministressa se ne vada (come da titolo) via dalle palle! Bisogna che lo pretendano i suoi stessi colleghi politicanti che, bontà loro, sul web gliene hanno dette di tutti i colori. Bisogna che lo stesso Bomba si dimostri per una volta coerente con le sue stesse parole ("Una campagna inguardabile") e ficchi una sonora scarpata in culo a questa tizia, che tra l'altro con un semplice diploma di scuola superiore si permette di dettar legge su una materia complessa, la sanità, che richiederebbe come minimo una laurea in medicina.
Articolo approfondito sulla questione di Angelo d'Orsi su MicroMega.

(*) "Ministro" conferirebbe a quella carica una dignità che non ha; "ministra", ribadisco, è un neologismo da nazifemminarde totalmente inascoltabile.

Nessun commento: