martedì 24 gennaio 2017

Il Tomo delle Facce di Merda e la patente d'idiozia

Nonostante sia chiaramente una farloccata, nonostante gente come David Puente e i ragazzi di Bufale Un Tanto Al Chilo abbiano cercato di smontarla (rispettivamente qui e qui), la solita gran quantità di webeti all'ennesima potenza, con enne che tende asintoticamente a infinito, continuano a condividerla.


Chiaramente la cosa deve riguardare il Problemone Numero Uno dei webeti sul TFM, la categoria più odiata in assoluto dalle menti piccine che vanno giù di "mi piace" e "condividi" a stecca senza nemmeno preoccuparsi, in questo caso specifico, di farsi due conti. Il Senato consiste di 315 membri, più qualche senatore a vita (che sono quattro gatti spelacchiati). 303+116 fa la bellezza di 419: anche contando i senatori a vita c'è qualcosa che non torna. Cos'è, hanno dato il diritto di voto anche agli uscieri e agli impiegati di Palazzo Madama, forse?
Caro utOnti webeti del TFM, bastava poco a fare un semplice conticino e capire che è una farloccata! Oltre al fatto che i classici post "scrivi basta e condividi!" già di per sé dovrebbero far suonare un campanellino!

2 commenti:

iacoponivincenzo ha detto...

Non l'ho letta, ma almeno un dubbio mi sarebbe venuto. Quello sul numero dei senatori per esempio. E poi non esiste che la patente venga concessa su richiesta senza un minimo di scuola guida e un esamino finale. Colpa anche della politica però, che ci ha abituati ad emenazioni di leggi scritte con la penna infilata su pel culo, anche se appetitoso come quello della ex ministra biondona tanto cara al gran cazzaro.

Dumdumderum ha detto...

@Vincenzo
Infatti. Già solo fermandosi al numero di senatori si sarebbe dovuto capire che qualcosa non torna, ma di brutto. Poi la questione che dici tu, oppure il fatto che "l'articolo 126 ter" del codice della strada non esiste... ma tutto ciò è già ben oltre le capacità del neurone solitario in coma etilico del webete da TFM medio. Poi, vabbe', abbiamo il sistema legale più incasinato del mondo, ma da lì a inventarsi una legge inesistente ce ne passa!