lunedì 20 marzo 2017

Pensavamo d'essercene liberati

... e invece eccolo che ritorna, più spavaldo che mai.
Chi?
Ma il caimano, è ovvio!
Adesso sta pensando bene di ricandidarsi per le prossime elezioni (è vecchio come il cucco: cos'aspetta la Nera Signora a portarselo via?) con promesse a dir poco fantasiose:
a) La pensione per tutti, almeno 1000 euro. Proprio lui che le voleva abolire? E visto che c'è riuscito, visto che i fondi destinati alle pensioni proprio lui è riuscito a farli sparire, ce le pagherà lui di tasca propria?
b) Il suo solito cavallo di battaglia: aboliamo le tasse! Peccato che grazie a lui paghiamo dieci volte il dovuto, e che oltre tutto i fondi incassati da quelle tasse non si sa dove vadano a finire. Peccato, anche, che "aboliamo le tasse" vada completato con "per chi già le evade", lui per primo.
c) Una bella strizzatina d'occhio al maschio alfa dei baluba verdi, per riprendersi quell'accozzaglia sotto il suo diretto controllo: visto che "gli immigrati" entrano nelle case e rubano (mah, praticamente tutti gli arresti di topi d'appartamento nella mia zona negli ultimi vent'anni, cioè non meno del 95%, avevano italiani come protagonisti...) bisogna poter tenere una pistola a portata di mano per poter sparare, così, anche se il ladro scappa senza la refurtiva.
Il brutto è che c'è ancora gente affetta da boccaloneria cronica che ci cascherà con tutte le scarpe! E sono tutte le categorie che dal caimano sono state completamente fregate: operai, pensionati, poveracci in genere! Proprio quelli che ci rimetterebbero di più se quel fetente tornasse a posare il flaccidume sulla poltrona del presidente del coniglio.
E vabbe', vorrà dire che le mie mazzate torneranno a dirigersi su quel magnete che attira con estrema forza il mio martello...

6 commenti:

iacoponivincenzo ha detto...

Certo che siamo messi a pecorina senza mutande e un barattolo di vasellina in mano. Dove vai vai spuntan cazzi che vogliono infilarsi a fare un riposino tra ne nostre chiappette, così tanto per gradire. Prescindendo dalle mezze pugnette -quali dirai tu, giustamente, ma risparmiami la fatica anche perché parlare mi irriterebbe ancor più la gola che questa appena arrivata Primavera già mi sta strapazzando; diciamo allora quasi tutti, cioè tutti quelli che raggranelleranno non più del 3% e sono tantoni- rimangono le grandi pugnette. Ecco, appunto, te lo dicevo di pazientare, che sono diverse.
Innanzitutto i resti vomitaticci del PDR che batti e risbatti ci vorrebbero fare digerire la solita merda a colazione, pranzo e cena, con le stesse facce di cazzo che proliferano accanto a facce di culo, e come vedi si ritorna all'argomento iniziale. Da evitare come la peste.
Poi il caimano con la sua faccia vizza e le borse sotto gli occhi e le palle flosce per adeguarsi al vicino malgrado le massicce dosi di Viagra, col suo amicone di bisbocciate il Salvexit che ogni giorno spara cazzate memorabili. Adesso ha dichiarato dalla Annunziata che non vede l'ora di diventare ministro degli Interni. Non s'è capito se parlasse degli arredamenti di Montecitorio e di Palazzo Madama.
La Meloni fa la mamma, tace e quindi acconsente.
Poi resta il meglio fico del bigonzo:il Grillo parlante e sputazzante cazzate, che sbatte fuori "fidatevi di me" chi il popolo della rete ha chiamato a capolista delle 5 Melemarce a sindaco di Genova, così, perché le sta sul cazzo e allora pecoroni invece di mandarlo affanculo gli rivotate il SUO candidato, il 94% di voi. Che ti puoi aspettare da un ducetto simile che nemmeno le mutande usate dal suo Mussolini potrebbe portare senza pisciarvi dentro?
Che si fa? Rimaniamo a pecorina con DUE barattoli di vasellina, uno alla crema l'altro alla fragola?

cristiana2011 ha detto...

Non voglio nemmeno pensarci.
Il ritorno di quell'incubo potrebbe accorciarmi la vita.
Ha una faccia da cxxo mai vista fino alla comparsa di Trump.
Che siano maledetti tutti e due.
Cri

Dumdumderum ha detto...

@Vincenzo
La questione è, come dicevano alla Olivetti quando cambiava la dirigenza: i cazzi cambiano, ma i culi sono sempre gli stessi. Niente di votabile all'orizzonte; rassegniamoci a metterci le mutande di piombo...

Dumdumderum ha detto...

@Cristiana
Vedi quello che dico sempre: dobbiamo occuparci delle nostre gran facce di merda, sbattendocene i coglioni di quelle che hanno all'estero. Riguardo alla politica di altri stati non abbiamo voce in capitolo, però ne abbiamo per quanto riguarda la nostra - o ne avremmo, se non fossimo un popolo di rincogliombecitrulliti (con le poche eccezioni come me, te, Vincenzo e altri che contano come il due di bastoni quando briscola è denari).

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Occhi aperti vigilando nella speranza che non succeda. Peraltro io credo che siano altre lo forze ed i personaggi da cui guardarci oggi.

Dumdumderum ha detto...

@Daniele
Come ho già detto a Vincenzo, niente di votabile all'orizzonte. Sarà un caos mostruoso, proprio com'è già adesso, con troppe forze nessuna delle quali può raggiungere da sola quel famigerato 40%. Poi, riguardo al caimano, sono sempre speranzoso che un giorno o l'altro lo trovino pacificamente morto nel suo letto: come ho detto, è vecchio come il cucco.