lunedì 12 giugno 2017

Elezzzzioni

Con quattro Z.
Cos'è venuto fuori dalle ultime amministrative:
- Un movimento 5 ischemie ormai totalmente bollito (e che pure si vanta di un'avanzata "lenta ma inesorabile": tsè, nei loro sogni), dove "uno vale uno" solo quando quell'uno è stato scelto dall'insetto sbroccomane in persona: tradimento dei loro tanto proclamati ideali che la gente non ha mancato di notare;
- Il partito congiunto caimano-Bomba, che chiaramente gongola sulla débâcle del movimento 5 intossicazioni, altrettanto chiaramente senza vedere i propri macroscopici difetti, e senza proporre alcunché di costruttivo: è totalmente incentrato sul fallimento degli avversari, urrà, urrà, hanno perso, sono delle merde, noi siamo i migliori;
- Soprattutto, però, emerge il vero partito di maggioranza, quello che da solo farebbe polpette di tutti gli altri messi insieme in un'improbabile supercoalizione: il partito degli astensionisti. Adesso, io torno a rigirare il coltello nella stessa piaga di sempre: l'astensionismo non paga! Sbattersene altamente le palle perché "ah, ma tanto sono tutti uguali", "ah, ma nessuno mi rappresenta", bla bla bla, vuol proprio dire regalare di nuovo tante amministrazioni, tanti governi regionali e pure quello nazionale al caimano e al Bomba. È davvero questo che volete? Con la vostra inazione, la risposta è scontata: sì, è quello che volete, anche se a parole siete tutti contro questi personaggi di dubbia mor totale immoralità. Tanto vale che nessuno vada più a votare, e che si piazzino sulle poltrone personaggi nominati da qualcuno dei potenti di turno! Non cambierebbe niente, salvo il fatto che non dovrete nemmeno fare la fatica di dire "Io non voto".

4 commenti:

Riccardo Giannini ha detto...

Parlando seriamente, in Italia vincono solo le ammucchiate. Questo dimostra che in Italia non c'è una proposta politica forte e seria. Ciò detto ho avuto in passato anche il periodo di interesse politico, ad oggi invece non me ne frega proprio niente :D. Il mio non vorrebbe essere il menefreghismo di "scendo in piazza per la squadra e non per cose più importanti", ma ammetto che questa mattina il mio primo pensiero è stato l'acquisto di Andrè Silva da parte del mio Milan...c'è poco da dire, alla politica questo gioco va bene e continueremo così..RenziBerlusconiRenziBerlusconiRenziBerlusconi all'infinito :D

Dumdumderum ha detto...

@Riccardo
L'Italia è sempre stata un paese dove nessun partito può governare da solo, e quindi devono formarsi coalizioni che vanno più o meno d'accordo. Quanto al Bomba e al caimano: immagino che in tempi brevi il primo rimanga da solo, perché il secondo è vecchio come il cucco e non ha più tanti anni davanti a sé. Io non mi sbatto attivamente in politica perché non ne ho le capacità, come non le ho per fare il medico, l'autista di autobus o il pittore; il mio unico potere - che intendo esercitare - è quello di mettere una simpatica croce su una scheda elettorale. Lo ammetto: ultimamente non so proprio dove metterla, quella croce, però so bene dove non metterla. Diciamo che adotterò il metodo che ho già illustrato: la prima forza politica totalmente sconosciuta, non derivata da scissioni e dissidenze dai partitoni, se la beccherà; non vinceranno mai, ma almeno sapranno che qualcuno ha pensato a loro...

Riccardo Giannini ha detto...

Io son sincero: alle prossime votazioni invaliderò la scheda, è l'unico voto che posso esercitare.

Di certo non mi lamenterò del governo che avremo perché sono consapevole che il voto di protesta non è un voto concreto. Ma la proposta politica attuale non è meritevole di attenzione dal mio punto di vista..

Dumdumderum ha detto...

@Riccardo
Già: grosso dilemma sapere sulla lista di chi mettere la croce... a dispetto delle mie idee, la tentazione è forte anche per me.