mercoledì 6 giugno 2018

I fascisti scoprono il loro gioco

Adesso che sono al potere – sì, proprio i fascisti con le camicie verdi: i grUllini sono ridotti al rango di zerbini – stanno mettendo le carte in tavola. Ormai ogni dubbio sulle intenzioni dei baluba verdi, nella persona del loro maschio alfa, è svanito come neve al sole di luglio. Dunque:

  • Un “ministro della famiglia” con valori ottocenteschi sulla “famiglia naturale” (che, ribadisco, non esiste in natura) e conseguente negazione di qualunque diritto, perfino all’esistenza, alle famiglie che esulano dai suoi ristretti schemi mentali – e le uniche condanne che ha ricevuto vengono dal web, che conta come il due di bastoni quando briscola è coppe a livello politico.
  • Sulla questione migranti il maschio alfa dei baluba verdi dovrebbe andare a battere i pugni a Bruxelles affinché questa cazzo di europa si decida a non lasciarci nella bagna ad affrontare il problema da soli; invece, parla di stringere alleanze col ministronzo ungherese, un tipo talmente di larghe vedute che intende dare un giro di vite all’immigrazione in qualunque forma. Questo ha innescato la classica spirale: qui si adottano provvedimenti restrittivi, l’europa ci dice “Ah, sì? Questo è un problema vostro, arrangiatevi.”, così qui si adottano provvedimenti più restrittivi, l’europa si irrigidisce ancora di più, e poi finiremo per schiantarci di brutto.
  • I migranti però vanno bene quando possono venire schiavizzati, a fare lavori di merda con orari impossibili per una paga miseranda che non basta nemmeno per sopravvivere. E poi uno di questi poveracci viene brutalmente ammazzato dagli sceriffi nostrani perché è stato beccato (oooooh!) a “rubare” lamiere in una discarica (ripeto: in una discarica) solo per rinforzare la propria invivibile baracca. Dal governo non è arrivata mezza parola di condanna per questa giustizia sommaria da far west.

Insomma, di bene in meglio, eh? E ripeto, gli elettori da mal di pancia hanno la loro buona parte di colpe – ma ormai questa è la classica lotta contro i mulini a vento: gli elettori non la capiranno mai.

Questa vignetta di Haldeyde (la linko solo: è troppo larga per il mio modello di blog) esprime in pieno la situazione in cui ci siamo cacciati.

4 commenti:

Cristiana Marzocchi ha detto...

Hai ragione su tutta la linea. Siamo all'inizio di un altro periodo fascista, ma chi li ferma?
Molti non capiscono, a molti altri va bene così, per ora.
Cri

Dumdumderum ha detto...

@Cristiana
Sono comunque fascisti da opera buffa. Il maschio alfa dei baluba verdi non ha le palle per essere un dittatore sanguinario come il da loro tanto osannato Mussolini (non lo sto difendendo, sia chiaro: comunque, per essere un dittatore sanguinario bisogna avere le palle, come Cesare, come Napoleone, il citato Mussolini, Pinochet e altri riportati dalla storia). Il che sarà un problema ben peggiore che avere un vero dittatore sanguinario, perché dall'estero ci seppelliranno in un mare di merda con molta più facilità.

Carlo Calati ha detto...

a onor del vero Conte ha frettolosamente inserito nel suo discorso alcune parole di cordoglio (non di solidarietà) sull'omicidio di GioaTauro, parole che sono suonate stonate come il suono di una terracotta incrinata.
massimolegnani

Dumdumderum ha detto...

@massimolegnani
Chiamo questo genere di personaggi "cordoglioni" per una buona ragione.