venerdì 6 settembre 2019

Un po’ di pesci in faccia

A chi?

Al baluba, e a tutta la sua narrazione “politica” basata sulla paura dell’Uomo Nero.

Uno dei primi atti del nuovo governo (spero che continui a non meritarsi le virgolette): impugnare una legge del Friuli Venezia Giulia, ritenuta discriminatoria. Il Friuli, lo ricordo, è guidato dagli Omini Verdi Xenofobi.

La giustizia fa il suo corso qui, con la revoca dell’esilio dell’ex sindaco di Riace dal suo stesso paese. Un esilio voluto dal baluba, ricordiamolo.

Inoltre, una ormai illustre vittima di una balubata fa in modo di difendersi in tribunale, denunciando il baluba per diffamazione.

Aggiungiamo a questa raccolta di pesci sul muso anche il fatto che il baluba sta perdendo addirittura il sostegno dei suoi più ferventi slurpaculo sui soRcial, che ormai si qualificano come “ex elettori” e lo accusano di “aver regalato l’Italia alla sinistra”.

Per quanto il mio pessimismo cronico mi porti a esprimere seri dubbi su questo governo arancio grUllini+Bombapartito, non posso fare altro che augurargli di reggere almeno finché il baluba non si sarà autoseppellito in una tale montagna di merda da non riuscire più a venirne fuori.

2 commenti:

cristiana marzocchi ha detto...

Devo riconoscere che, mesi fa, dicesti che il baluba non avrebbe avuto vita lunga.
Io spero che si spenga al più presto.
Cri

Dumdumderum ha detto...

@Cristiana
Certe volte mi sento troppo un facile profeta.