lunedì 13 gennaio 2020

Se il buon giorno si vede dal mattino

Si ha un bel da farsi auguri e controauguri per il nuovo anno. S’inizia già di merda!

a) Il coso col gatto in testa è sempre più scatenato con l’intenzione di far scoppiare la terza guerra mondiale, per la quale vuole entrare nella storia prima che lo mandino a cagare con le elezioni presidenziali di quest’anno; e quei simpaticoni di iraniani non si fanno pregare a rispondere col fuoco alle sue minacce. Previsione: il capodanno del 2021 manco lo vedremo: gli arsenali nucleari attualmente presenti trasformeranno la Terra in un cumulo di ghiaia spaziale. Probabilità? Per fortuna, al momento non troppo alta, ma sempre troppo sopra lo zero per dormire sonni tranquilli: o impicciottano quell’essere obbrobrioso molto prima delle elezioni, o si va a finire male.

b) L’ex papa non poteva mancare un’occasione per dimostrare, ancora una volta, la sua arretratezza. E vabbe’, solito discorso sul celibato dei preti che secondo lui sarebbe imprescindibile – ma vada a fanculo, una volta per tutte! La khqiesa khqattolikhqa trarrebbe enorme beneficio dal permettere ai preti di sposarsi e alle donne di arrivare al sacerdozio. Poi, anche i preti non hanno capito una sega: vedono quello del matrimonio come un obbligo, ma sarebbe invece una scelta, proprio come avviene per chiunque non sia prete. Ma chiedere a un’istituzione come quella di adeguarsi ai tempi che corrono è come chiedere alla Luna di mettersi a ruotare più velocemente sul proprio asse.

c) Forse che la politica italiana è migliorata? Forse che quei cazzabubboli hanno anche solo manifestato l’intenzione di cominciare (cominciare!) a pensare al bene dei cittadini e a fare qualcosa di buono? Ma va’ là! Conservare le poltrone, denigrare gli avversari e farsi campagna elettorale permanente, ecco il loro unico interesse. In più, continuo a pensare che troppa gente si sia bevuta il cervello – visto che i sondaggi (che valgono quello che valgono, va detto: comunque danno una certa indicazione di come vanno le cose ora) danno ancora per vincente il partito degli Omini Verdi Xenofobi. Già, sembra che un cialtrone che si fa vedere in giro a farsi selfie di merda mentre s’ingozza di salsicce o di Nutella (per poi denigrare quest’ultima: coerenza portami via) e parla in questo modo alle pance della gente sia proprio quello che ci vuole in Italia! E questo dopo tutti i disastri che ha combinato! Anno nuovo, neurone solitario in coma come nell’anno vecchio!

d) Amara sorpresa di questo inizio anno: tanti esercizi commerciali hanno abbassato le serrande. Per sempre. Tanti locali svuotati; tanti cartelli “Affittasi” o “Vendesi” che, se non sono già comparsi, compariranno. Per fare un esempio banale, della quindicina di ristoranti e bar tavola calda convenzionati dove andavo a spendere il mio miserevole buono pasto se n’è salvato uno, misero e peregrino – e il titolare è vecchio come il cucco; mi sa che prima o poi andrà in pensione. Ma anche tanti altri negozi e negozietti hanno chiuso baracca e burattini.

Se queste sono le premesse, a posto semo!

4 commenti:

Andrea Sacchini ha detto...

Vabbe', dài, qualcosa di positivo ci sarà...

Forse.

Dumdumderum ha detto...

@Andrea
Mica dico di no: dico solo che dall'anno passato non è cambiato niente, e quindi al 31 dicembre ci ritroveremo a mettere a consuntivo un altro anno di merda come sempre. Mettila così: la probabilità che l'alligatore merrrrregano distrugga la Terra scemano di giorno in giorno, quindi, almeno, a fare questo consuntivo arriveremo.

Andrea Sacchini ha detto...

Sì, può darsi. Diciamo che a me, nell'immediato, interessa solo che il cazzaro verde non vinca nella mia amata Emilia-Romagna. Poi si vedrà :)

Dumdumderum ha detto...

@Andrea
Magari lì vi va bene: l'elettore OVX medio di quelle parti non sa chi è il candidato supportato dal cazzaro, e magari dà il voto all'altro. Tutta da ridere: il cazzaro ha fatto campagna elettorale a proprio nome lì e ha abbondantemente confuso le idee al proprio stesso elettorato.
(Poi: a te - ma forse sto insegnando ai ragni ad arrampicarsi - toccherebbe magari di svolgere opera di convinzione nei confronti di tutti i tuoi amici, parenti e conoscenti indecisi e cercare di orientare il loro voto dall'altra parte.)